©JACOPOBROGIONI 2008 - 2019 ALL RIGHTS RESERVED 

ROMA. IL RACCONTO DI 100 DONNE is a photographic project by Jacopo Brogioni for the Italian Institute of Encyclopedia founded by Giovanni Treccani. A project that portrays Rome through the eyes of women. An ensemble of images and texts (written by Raffaele Timperi)  to discover the city though 100 women. 
 

Intimidating is the thought of photographing Rome, as inevitable is its weight. Immune to it are only those who cannot perceive it. 

 

The risk that awaits those who depict Rome is that of trivialising it, commonly representing it in its postcard-likevision. Therefore, under what lens must one picture it true being ? 
At first we thought to abandon the common perspective we are used to and try observing it from above.

The Baroque masterpieces that tower upon the imperial antiquities are less visible from above and dominating is the powerful movement of this city, as the everlasting interweaving of millions of men and women manifests itself in a multitude of little actions. 
A spontaneous and perpetual mechanism that activates Roman life; the alternation of synchronyand asynchrony triggers the heart beats of the Eternal City, never to stop.  
It is thanks to this colossal network of movements that this authentic, moving and breathing creature lives - through a singular alternation of order and chaos. 

 

The objective thus became to depict what Rome is today through what gives it life: The human actions that compose it. 
Behind every human action there is an end, there are intentions, dreams and fears. 
Aiming to define those who give life to the city, to tell their stories and inner connection with Rome. 
A city where the line between the present and the eternal is ephemeral and hard to trace. 

 

Diving deep within this project; both as a spectator and as an author at work, implies the start of a journey with an unknown ending. Curious and free to discover new stories and identities every day, with no control on what these women will bring on board, gently unfolding the story of Rome through their places, their lives, their daily routines and jobs.  
An 18 month adventure across all 15 of Rome's neighbourhoods, the different social conditions and the diverging relations with this city. Facing each time a contrasting reality to get acquainted to, explore and understand - to then go back to the start and begin the process over again. 

Perhaps too often, female actions and activities are collectively trivialised, seen superficially as stereotypes. 
The project wants to trace a map to get to know Rome through women and vice versa, with no judgement and no moral at the end of the story. 
The project’s aim is not to denounce what is wrong or praise what is right. This project wants to unravel what moves Rome - presenting it as it is. 

 

There are those who works with great dignity, those who steal, those who invest, who is born, who dies, who comes just for a visit, who dreams of Rome, who takes care of the community, who improves it and who neglects it. 
Their stories are now being told. 
Every element of the narration lies on the same level. What really stands above is the additive result of all these daily actions. Whether noble or ignoble it may be, each human action has its own function linked to a necessity. Illustrating what is real, trying to accurately paint at its best what is today a contemporary Rome.

The women that guided us through this journey are those who live it, whether it is for a lifetime or just one day. Women who were born and bread in Rome standing beside a tourist that has dreamt for years to pay a visit to the Eternal City. Women who roam, women who find themselves here for work, for a time they are aware is limited. Each and every one of them has a different relationship with this city - a different point of view.  


Behind every puzzle piece there is meticulous study in the identification of the most adequate profile, which emerges from the criteria of representing the city through its differences and contradictions. 
In order to make this happen we scouted not only women belonging to a specific field but we picked out those who could speak with diversified points of view, according to their social conditions, their neighbourhoods, their backgrounds and past experiences. 

 

Everyday, our project has placed us in front of a distinct way of plunging into reality. 
Before each meeting we left behind whatever kind of prejudice or past belief on the world these women live in, in order to have the possibility to fully understand in all its complexity every single point of view of Rome. 
These elements do not mean to be an empty stylistic exercise but to be determining components for the perception that these women’s stories embodies.
Our job is in fact that of revealing stories free of judgment or praise, to simply show things through the eyes of different women that hold on to a piece of this city as their own. 
Our role is to present to the spectator many lenses through which observe Rome - many eyes that point in the same direction all seeing a different thing. All real, all authentic. Many versions of a sole city. 

An experience that unveils all of Rome’s facets. 
Our approach is not that of merely taking common photoshoots contoured by defined interviews with all the same questions simply asked to different people. 
No- we meet them and together we decide where the most adequate location to portray them is, as a reflection of their connection with the city. 
The interview is pre-drafted, shaped by impressions and movement. 
Our role is to handle all these diverging narrations of the women we speak for, as a support of their exposure. The image is therefore the product of many elements, hardly ever a plain portrait. 
The photo means to contextualise their stories and personalities in deeply meaningful places. 
The conscious choice of not solely producing stand alone portraits is born from the need to take a step back from relation between the women and the place, trying to avoid any possible imposition, even if voluntary. 

The exhibition will be a journey through Rome, 100 stories of 100 women, their bonds with the city and the areas they inhabit. Getting to know the city through the people that posses it - even if just momentarily. The title of each photo will be the name of the protagonist and the location in which it is represented. In the exhibition each photo will be flanked by a brief description alongside the story of the protagonist. 

 

The overall effect that the exhibition aims to deliver to the viewer is that of a personal connection with each story and women. It is a factual proposal; to discover Rome through the actions and the stories of women, to admire the city as an aggregation of human activities that make it as a whole. 

ROMA. IL RACCONTO DI 100 DONNE è un progetto fotografico realizzato da Jacopo Brogioni per l'Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani.Un insieme di immagini e testi (scritti da Raffaele Timperi) per scoprire la città attraverso 100 donne.

 

Il rischio che attende chiunque voglia rappresentare Roma è quello dibanalizzare la sua realtà; troppo comune è infatti la sua raffigurazionestereotipata, da cartolina. All’esatto opposto ci sono invece i capolavori dei Maestri che hanno impiegato Roma come un vero e proprio personaggio nelle loro opere. Fellini, Pasolini e il recente Sorrentino, per citarne alcuni, hanno catturato parti dell’anima di questa città non limitandosi a utilizzarla come spazio di ambientazione, ma ridefinendo magistralmente il rapporto tra soggetto e luogo. 

Come cercare, quindi, una possibile lente attraverso cui guardarla? La prima risposta che ci siamo dati è stata quella di abbandonare il punto di vista da cui si è soliti vivere la città per provare ad osservarla dall’alto. Da lì si notano meno i capolavori del barocco svettare sulle antichità imperiali e si ha la possibilità di percepirne con forza l’immenso movimento, l’intreccio sempiterno e continuo di milioni di uomini e donne in una moltitudine di piccole azioni. Un meccanismo casuale e perenne che dà vita a Roma, l’alternarsi di sincronia e asincronia detta il battito pulsante della Città Eterna che non si ferma mai in nessun giorno, a nessuna ora. Da secoli. Un’autentica creatura vivente che respira e si muove grazie a un enorme complesso di movimenti che la animano, in un’alternanza unica di coordinazione e disordine.

L’obiettivo è quindi diventato quello di raccontare cosa Roma è oggi attraverso ciò che la anima, attraverso le attività umane che la compongono. Dietro ognuna ci sono dei fini, delle intenzioni, dei sogni e delle paure. Rappresentare chi dà vita alla città, raccontare le loro storie e il loro rapporto con Roma è lo scopo di questo progetto. 

Questa è la città dove il rapporto tra eterno e presente è più evanescente. Tutta la sua storia è unica. Possiamo affermare, senza paura di cedere ad alcuna prosopopea, che Roma ha partorito la civiltà per come oggi la conosciamo, creando le regole stesse dell’organizzazione sociale, dell’arte, del linguaggio sino al rapporto più intimo con la persona umana. Dalla prima concezione moderna dei rapporti d’amore allo sviluppo spirituale della religione universale, patrimonio dell’uomo nei millenni a venire. Per tutta la sua storia Roma ha vissuto di contraddizioni, di idee opposte; metafisica e razionalità vi si sono incontrate rendendola genitrice dei lineamenti della nostra contemporaneità. Proprio quest’anima materna e creatrice di Roma ci ha condotti al passaggio successivo: la scelta della donna come soggetto attraverso il quale rappresentare e raccontare la Città Eterna.

Immergersi in questo progetto ha voluto dire incamminarsi su un percorso senza conoscerne la meta, senza avere aspettative precostituite sul risultato, liberi e curiosi ogni giorno di scoprire nuove storie e nuove identità. 

Troppo spesso, infatti, si tende a concepire l’attività femminile attraverso il ricorso allo stereotipo e al preconcetto, quindi alla banalizzazione. Proprio per evitare di cadere in questa trappola, abbiamo scelto di intraprendere questo viaggio senza indirizzarne il contenuto. Un viaggio lungo diciotto mesi attraverso i quindici municipi, i quartieri, le differenti condizioni culturali, economiche e sociali, confrontandoci ogni volta con una realtà diversa da incontrare, indagare e capire. Per poi tornare indietro e ricominciare una volta ancora.

Roma: il racconto di 100 donneha dunque voluto tracciare un percorso per conoscere Roma attraverso le donne e le donne attraverso Roma. Senza esprimere giudizi, senza una morale da difendere o di cui fregiarsi, il progetto non si è posto come obiettivo denunciare ciò che è sbagliato o celebrare ciò che giusto, ma piuttosto raccontare tutto quello che muove Roma presentandolo per ciò che èe per come decide di rappresentarsi.

Chi lavora con grande dignità, chi ruba, chi investe, chi nasce, chi muore, chi sogna la città, chi si prende cura della sua comunità, chi semplicemente la visita, chi la migliora e chi la trascura. L’intento è stato quello di raccontare e rappresentare la loro storia. Non ci sono aspetti più importanti di altri in questa narrazione: ciò che conta più del resto è il risultato come sommatoria di tutte queste azioni quotidiane. Ogni azione umana ha una sua funzione che risponde a una necessità, nobile o ignobile che sia. Abbiamo voluto documentare ciò che esiste, per cercare di rappresentare nel miglior modo possibile la Roma contemporanea.

Le donne che ci hanno accompagnato in questo viaggio sono quelle che vivono questa città. Per la vita o per un giorno. Ci sono donne nate a Roma e che qui hanno speso tutta la loro vita, accanto a una turista che ha sognato per anni di passare nella Città Eterna solo una manciata di giorni. Ci sono donne di passaggio, donne qui per lavoro o per un periodo che sanno essere limitato. Ognuna di loro ha un rapporto diverso con questa città, un punto di vista da esprimere.

Dietro ogni tassello di questa composizione c’è un lavoro di studio per l’individuazione del profilo più adatto, secondo il criterio di ritrarre la città intera attraverso le sue differenze e contraddizioni. 

Il nostro progetto ci ha messo di fronte ad una realtà estremamente multiforme: ogni giorno.

Una donna, una zona di Roma sempre diversa ed un mondo differente in cui immergerci. 

Prima di ogni incontro abbiamo cercato di abbandonare ogni pregiudizio, di lasciare in un angolo ogni nostra idea pregressa sul mondo della donna che avremmo incontrato, per poter comprendere realmente, nella sua complessità, ogni singolo punto di vista su Roma. Questi presupposti non volevano essere le coordinate di un vuoto esercizio di stile, ma anzi sono stati determinanti nella composizione dello scatto che avrebbe rappresentato la donna narrante e la sua storia.

Il nostro ruolo è stato, in definitiva, quello di presentare allo spettatore tante lenti attraverso le quali osservare Roma. Diversi occhi puntati sul medesimo luogo, che producono molte visionidifferenti. Tutte vere, tutte autentiche. Tante versioni di quella che è e rimane un’unica città. Sono proprio queste differenze a tracciare la strada attraverso la quale abbiamo provato a raccontare Roma nella sua infinita complessità. 

Il nostro approccio non è stato quindi quello di eseguire semplici servizi fotografici e interviste limitate a domande sempre uguali fatte a persone diverse. 

Durante gli incontri, abbiamo scelto insieme alle protagoniste un luogo in cui ritrarle che potesse rappresentare al meglio la loro identità e il loro rapporto con la città. Le interviste, partite da un piccolo canovaccio, hanno preso forma attraverso un dialogo libero, dando ogni volta un risultato diverso a seconda di come ognuna ha deciso di mettersi in gioco. Il compito che ci siamo dati è stato quello di gestire la narrazione, sempre diversa, della donna che abbiamo rappresentato, per assecondarne l’esposizione. L’immagine è quindi il prodotto di tanti elementi, quasi mai semplicemente un ritratto. La foto vuole contestualizzare la personalità e la storia all’interno dello spazio, in un luogo significativo per il soggetto. La scelta di non eseguire dei ritratti decontestualizzati nasce proprio dall’esigenza di fare un passo indietro rispetto al rapporto tra la donna e il luogo, cercando di evitare ogni possibile intromissione, anche involontaria. 

L’effetto complessivo che speriamo di poter consegnareallo spettatore è quello dell’instaurarsi di un fuggevole ma intenso rapporto personale con ogni storia, con ogni donna a cui vorrà avvicinarsi, tracciando in autonomia le proprie connessioni attraverso le infinite variabili del nostro presente.